Legumi
Fagiolo del Purgatorio

FAGIOLO DEL PURGATORIO

 


Il fagiolo del purgatorio di Gradoli è un prodotto alimentare fresco, coltivato nel comune omonimo.
Ad essere coltivata è una varietà locale seminata da tempo immemorabile, come testimonia il pranzo organizzato sin dal 1600 a Gradoli in occasione del mercoledì delle ceneri, denominato pranzo del Purgatorio, di cui il fagiolo costituisce il piatto fondamentale.
Bianchi, piccoli, teneri e dal sapore delicato abbinabili a molteplici ricette, vengono cucinati, nella ricetta tradizionale,  lessati in acqua aromatizzata con aglio, salvia, alloro e poco sale e conditi con olio extra vergine di oliva di Gradoli, sale e pepe.
Una delle caratteristiche del Fagiolo del Purgatorio è la rapidità dei tempi di cottura (circa un’ora) senza necessità di preventivo ammollo, come per le altre qualità di fagioli.
Le caratteristiche di peculiarità del prodotto dipendono sia dalle tecniche tradizionali, che non prevedono uso di prodotti chimici, che dalla tipologia dei terreni.
Questi ultimi di origine vulcanica , sciolti, freschi di buona fertilità e poco calcarei, sono situati in un ambiente collinare (300-400 metri d'altitudine s.l.m.) caratterizzato da un clima mite di tipo temperato-sublitoraneo.

Cece del Solco dritto

CECE DEL SOLCO DRITTO



Il Cece del Solco Dritto è una leguminosa da granella destinata al consumo alimentare fresco ed è attualmente coltivato in un area ristretta situata all'interno dei comuni di Valentano.
Questo legume deve il suo nome ad una manifestazione della tradizione contadina del comune di Valentano "La tiratura del solco dritto" che si svolge il 14 agosto di ogni anno nella piana sottostante il paese.
Il cece è ottenuto in queste zone con tecniche agricole tradizionali, senza l'uso dei prodotti chimici.
Tutti i terreni interessati, ad elevato contenuto di potassio e con scarsa presenza di calcio, conferiscono al Cece del Solco Dritto caratteristiche organolettiche superiori, con particolare riferimento a rapidità nei tempi di cottura.

Lenticchia dei Moti Volsini

LENTICCHIA DEI MONTI VOLSINI

 

Piccola, tonda e saporitissima la lenticchia dei Monti Volsini viene coltivata all’interno dei Comuni di Valentano, Latera e Gradoli. Il legume è apprezzatissimo sia per il sapore che per la facilità di cottura.Le caratteristiche di peculiarità del prodotto dipendono sia dalle tecniche tradizionali, che non prevedono uso di prodotti chimici, che dalla tipologia dei terreni.
Tutti i terreni interessati, ad elevato contenuto di potassio e con scarsa presenza di calcio, conferiscono alla Lenticchia caratteristiche organolettiche superiori, con particolare riferimento a rapidità nei tempi di cottura.

Webmaster: PLF